Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/18 ore

POLITICA

Di Maio, una caccia al “tesoro” ben poco seria

Eppure i soldi c'erano. O meglio, così avevano assicurato, mettendolo pure nero su bianco nel Blog delle stelle (già “sacro” di Grillo) a gennaio. Non solo: in giro per comizi lo andavano ripetendo come un mantra. E alla domanda “come farete a sostenere le promesse e il programma?”, Luigi Di Maio rispondeva: con 30 miliardi dai risparmi dalla spending review, 40 miliardi dal taglio delle detrazioni e deduzioni, 10-15 miliardi da più deficit...

Governo, breve sunto di una settimana imbarazzante

Aspettando i fuochi d'artificio della legge di bilancio, quella che ci siamo lasciati alle spalle non è stata una settimana facile per gli esponenti di spicco del governo. Certo, Matteo Salvini ha avuto qualche occasione in più per alimentare la sua propaganda, ma tutto sommato avrebbe fatto volentieri a meno della brutta tegola dei 49 milioni di euro di cui si ignora il destino. Nondimeno, il braccio di ferro con la magistratura per la Diciotti potrebbe alla lunga logorare la tenuta dell'alleanza con i giustizialisti grillini, anche se nel breve è servito a distrarre gli innamorati del “capitano” dalle promesse mancate, a partire proprio dalla politica migratoria del ministro degli Interni, che sarebbe dovuta partire a spron battuto con l'espulsione immediata di circa 600mila “clandestini”

Ilva, una promessa dei 5 Stelle mancata: fatto!

“Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco”. Luigi Di Maio ha usato il motto caro a Giovanni Trapattoni nel dare l'annuncio dell'accordo raggiunto sull'Ilva tra l'acquirente ArcelorMittal e i rappresentanti dei lavoratori. Chissà, sotto sotto il ministro dello Sviluppo economico spera ancora che accada qualcosa di irreparabile che mandi tutto all'aria prima della firma definitiva.

Legge di bilancio, Salvini e Di Maio abbassano la cresta

Ne hanno sparate una dietro l'altra fino a ieri: a raffica. Erano colpi a salve, a beneficio dei tifosi-elettori, ma pesanti. Tanto che le conseguenze sui mercati si sono comunque viste. Ma ora che siamo a settembre si deve giocoforza passare ai fatti, guardando la realtà e mettendo un po' da parte le chiacchiere da bar.

Per Paolo Mieli il Partito del Quirinale può fermare il sovranismo

Nell’intervista che Paolo Mieli ha rilasciato lunedì 3 settembre a Maurizio Caverzan per il quotidiano «La Verità», vi sono tre passaggi che meritano di essere segnalati e sui quali occorre svolgere una qualche riflessione. di Luigi O. Rintallo

Governo del “cambiamento”, le cattive impressioni di settembre

Nel prepararsi al momento cruciale, la loquacità la fa da padrona. Interviste a tutto tondo, televisive e non, comizi e quant'altro si susseguono a ritmo quotidiano. Dopo i misfatti della Diciotti, particolarmente attivo si è mostrato il vicepremier a 5 Stelle, che a ogni azione eclatante di Salvini, piazza la sua reazione a parole non sempre uguale ma nemmeno contraria.