Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/18 ore

POLITICA

Ilva, Di Maio interpreta l'Avvocatura dello Stato...

Non hanno trovato la pistola fumante. Perché a quanto pare lo Stato, per mano del precedente governo, si è macchiato del classico “delitto perfetto”. Parola – il che è tutto dire – di Luigi Di Maio.

Quel carrozzone pubblico del vincitore

In un'estate turbolenta e tragica vederli all'opera è stato fin qui uno spettacolo, diciamo. Uno spettacolo – beninteso – imbarazzante, preoccupante, deprimente. Ne hanno messe in fila una dietro l'altra, tra approssimazione, ignoranza della materia, presunzione, confusione di idee e di opinioni, condite dalla solita demagogia mista a qualunquismo sempre utili anche nel momento meno opportuno a raccattare consensi.

C'è il “Decreto dignità”: e adesso tutti al mare a fare campagna elettorale

Approvato il “decreto dignità”, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico ha finalmente la sua bandierina da sventolare in questo scorcio d'estate che rimane. La modalità è sempre la stessa: da propaganda permanente, come piace ai due vice-premier.

Stefano Folli: ‘l’altro Radicale’, il libro di Giuseppe Rippa con Luigi Rintallo, è un manifesto politico *

“ … Direi innanzi tutto cosa mi ha impressionato di questo libro. Mi ha impressionato il solo fatto che è stato scritto e che ponga una serie di argomenti, di temi, di spunti di riflessione talmente densi che, mentre leggevo, mi sono detto: qui ci sarebbe occasione per non so quanti convegni, quanti dibattiti. Praticamente in ogni pagina c’è uno spunto.

M5S vs Lega, lo scontro sui binari Tav

Il M5S ha bisogno più che mai di riempire con un po' di minestrina la pancia degli italiani che l'hanno votato. Piccoli bocconi, intendiamoci, utili a saziare i primi appetiti tra rabbia e rancore, ma ben poca cosa se poi non si dovessero cucinare nel medio-lungo periodo i piatti prelibati promessi in campagna elettorale.

Ilva, Tav, Tap: la beffa grillina per il popolo del No

Dopo essere stato blandito a fini elettorali in tutti questi anni, assolto il compito del 4 marzo, è legittimo che l'esercito del No chieda il conto indispettito al Movimento 5 Stelle. Troppo facile infatti dai banchi dell'opposizione gridare No Ilva, No Vax, No Tav, No Tap.... Ma una volta che si è al governo, carte alla mano, la prospettiva cambia e tutto diventa più complesso.