Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/06/18 ore

RASSEGNA WEB

Villaggi senza madri, 350mila gli “orfani bianchi” in Romania

di Ilaria Lonigro (da Repubblica.it / Attualità)

 

L'Autorità Nazionale Romena per la Protezione dei Bambini ne conta 82.464, ma per l'Unicef sono di più, 350.000. Tanti comunque da destare l'attenzione dei media internazionali e meritarsi l'etichetta di "orfani bianchi": così sono chiamati quei minori che vivono con i nonni, gli zii, i vicini o sono accolti dagli istituti mentre uno o entrambi i genitori lavorano all'estero, muratori e badanti per le famiglie italiane e spagnole.

 

Edizioni Rediviva di Milano presente al Salone Internazionale del Libro di Torino 16-20 maggio

Berlusconi, il vero processo è contro Ruby

Sei anni e l’interdizione dai pubblici uffici. Questa la richiesta della pm Ilda Boccassini nei confronti di Silvio Berlusconi nel processo sul caso Ruby. Una richiesta “pesante” dicono i legali del presidente del Pdl di cui 5 per concussione e un anno per prostituzione minorile. di Angela Azzaro (da Gli Altri)

Stati Uniti e Turchia davanti al bivio mediorientale

Emiliano Alessandri (da Affari Internazionali)

 

L’incontro tra il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan e il presidente Usa Barack Obama, previsto per il sedici maggio a Washington trova i due leader in mezzo al guado di una difficile revisione strategica. Nei piani di Washington, la Turchia sta di fatto emergendo come “vassallo” regionale di una superpotenza Usa che punterebbe a giocare un ruolo meno prominente in Medio Oriente. Ankara sarà chiamata a decidere se un maggiore allineamento con gli Stati Uniti in questa fase di profonda instabilità nel suo vicinato offra principalmente vantaggi o se, al contrario, crei ostacoli al perseguimento dell’interesse turco.

Malagiustizia, un serio saggio del Mulino sulla “qualità” democratica a rischio

Fino a quando la democrazia italiana potrà ritenersi di “qualità”, in presenza di una giustizia sempre più “inefficiente”, oltremodo “politicizzata”, perennemente disposta a reclamare “indipendenza” ma che non assicura nemmeno controlli al suo interno? di Marco Valerio Lo Prete (da Il Foglio)

Guantanamo, la tortura e noi

In calce alla lettera del detenuto yemenita a Guantánamo pubblicata lo scorso 14 aprile dal New York Times si legge qualche centinaio di commenti. Uno dice: “Io concordo col senatore McCain, che fu lui stesso vittima di tortura. Quando un altro senatore gli disse: ‘Perché dovremmo preoccuparci di questi terroristi?’, McCain replicò: ‘Non si tratta di chi sono loro, ma di chi siamo NOI. Noi siamo gli Stati Uniti d’America, e gli Stati Uniti d’America non torturano la gente”. di Adriano Sofri

Travaglio dicci tutto sui provini di Giorgia Manuguerra

Vogliamo vedere, vogliamo spiare, vogliamo divertirci. Vogliamo partecipare anche noi alla festa della democrazia guardona. Ma siccome siamo un po’ porci e antropologicamente inferiori, e ci vergogniamo di essere arrivati tardi all’orgia del vedere, ci affidiamo prudenti anche noi alla scusa infingarda, come i vecchietti che ai giardini nascondono i giornaletti porno dentro al fascicolo di MicroMega: è la difesa della democrazia che ce lo chiede, bellezza. di Maurizio Crippa (da Il Foglio del 1 maggio 2013)

Il caso Tortora 30 anni dopo

La cosa che rende impossibile archiviare "il più grande esempio di macelleria giudiziaria all'ingrosso del nostro Paese" (Giorgio Bocca) è il fatto che nessuno abbia pagato per quel che è successo. Anzi, i giudici coinvolti hanno fatto un'ottima carriera e i pentiti, i falsi pentiti, si sono garantiti una serena vecchiaia, e uno di loro, il primo untore, persino il premio della libertà. di Carlo Verdelli (la Repubblica del 1 maggio 2013)

La piazza di Del Debbio «Santoro di destra»

di Aldo Grasso (corriere.it)

 

Retequattro prova a fare concorrenza a La7 in una fascia strategica, quella dell'access prime time, intorno alle 20.30. Di là, dal lunedì al venerdì, c'è «Otto e mezzo» condotto da Lilli Gruber, di qua ora c'è Paolo Del Debbio, con lo spin-off di «Quinta colonna», uno dei programmi che hanno contribuito non poco al successo dei grillini.

Emancipazione femminile. Santa alleanza contro le donne arabe

di Azzurra Meringolo (da Affari Internazionali)

 

Passo dopo passo, anzi pedalata dopo pedalata, le donne saudite hanno guadagnato un nuovo diritto: possono finalmente andare in bicicletta. Per ora potranno farlo solo per svago, controllate da un guardiano e stando attente a non inciampare nel tradizionale abito lungo che indossano. Nell’unico paese del mondo dove alle donne è ancora negato guidare, questo piccolo passo in avanti è però un segno di speranza che invoglia le attiviste a continuare la loro battaglia.

Le volpi e i leoni della Repubblica

di Angelo Panebianco

 

Siamo alla vigilia di una mutazione della Repubblica italiana? Le «volpi» stanno per essere sopraffatte dai «leoni»? È accaduto tante volte. Sta per accadere in Italia? Il modo in cui avverrà l’elezione del presidente della Repubblica non ci darà la risposta conclusiva ma forse chiarirà quale sia la direzione del nostro cammino.

Suicidio-esodato-Fornero, fra propaganda e mistificazione

Per quasi 18 milioni di italiani è stato un “esodato” a suicidarsi a Civitanova Marche, venerdì scorso, assieme alla moglie e al cognato. Tanti sono infatti, secondo i calcoli del Foglio, i cittadini raggiunti da un messaggio non corrispondente al vero – perlomeno a giudicare dall’estratto contributivo dell’Inps di Dionisi – giornalisticamente impreciso e politicamente fuorviante. (da ilfoglio.it)