Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/05/19 ore

POLITICA

Aspettando il voto, fate largo: la “politica”

“Il governo che uscirà dalle elezioni sarà un governo politico, altrimenti tra un po’ qualcuno dirà che tanto vale non fare più le elezioni”. Le parole di Gianfranco Fini, intervistato da ‘Repubblica’, sembrano più che altro un auspicio che esorcizzi la prospettiva di un governo Monti sine die. Del resto, a una generazione di classe dirigente politica, non di falliti, ma che ha indubbiamente fin qui fallito, rimarrebbe nella prossima Legislatura forse l’ultima occasione per riscattarsi.

Amnistia, Bonino: "Napolitano rifiuta il ruolo di garante della legalità e del rispetto delle leggi"

"Quel che accade nelle carceri, la condizione della giustizia, il peso che il mancato funzionamento della giustizia ha sullo sviluppo umano ed economico del Paese dovrebbero essere chiare a tutti. Per affrontarli noi radicali proponiamo l'Amnistia. Si dice che non ci sono i numeri in Parlamento, ma non si fa nulla per aprire un dibattito serio, anzi si fa di tutto per negarlo, un dibattito...

"Fascisti del web": Bersani casca nella trappola, Grillo ci va a nozze

Nel confronto-scontro con Beppe Grillo, un errore che si può evitare di fare è scendere sul suo terreno: quello della rissa verbale e dell’insulto, dove lui è maestro. Pierluigi Bersani questo passo falso l'ha fatto, attaccando senza mai nominarli  i "fascisti del web", vale a dire Antonio Di Pietro e , appunto, Grillo, rei di averlo annoverato tempo fa, tra l’altro, fra gli zombie della politica italiana.

Sepe vs de Magistris, colpi bassi sul mestiere più antico del mondo

Peppone e Don Camillo? Non proprio. L’uno, Luigi De Magistris, è un ex magistrato di dubbio successo che si è buttato in politica cavalcando l'antipolitica; l’altro, Crescenzio Sepe, è una testa porporata che nulla c’entra con i preti di periferia, che comunque a un certo punto, lo si condivida o meno, esercita il suo ministero fra religione e politica. Cosa che è avvenuta puntualmente nel corso dell’omelia domenicale a proposito dell’idea del sindaco di Napoli di sperimentare un quartiere a luci rosse.

Prostituzione, sognando Amsterdam: la Napoli sperimentale di Luigi de Magistris

Forse è vero, è ingeneroso ironizzare sul fatto che la Napoli di de Magistris si sia ridotta al lungomare liberato. Il sindaco della rivoluzione arancione, infatti, mentre lavora alacremente con tutta la Giunta al progetto di un movimento di sindaci che guardi alle elezioni politiche del 2013, sforna idee una dietro l’altra, per trasformare la sua città in una sorta di laboratorio dove provare soluzioni ai problemi che investono poi l’intera nazione.

de Magistris vuole “scassare” in tutta Italia

In una Napoli ridotta ai minimi termini del lungomare liberato, fra regate di vela, coppe Davis e giri d’Italia, il sindaco de Magistris medita il grande salto nella politica nazionale. Per la precisazione pensa a un movimento politico animato dai sindaci da presentare alle prossime elezioni. Lo ha confermato, in un'intervista nel programma La Zanzara su Radio 24, specificando che sarà “un movimento politico organizzato, qualcosa di distante dai partiti seppur non in conflitto con essi".