Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/05/17 ore

Aghi di Pino

Il mitico Tar del Lazio

Alla fine, male che vada, c’è sempre un Tar su cui contare. Così dal lontano Lazio arriva lo stop ai lavori sul gasdotto Tap in Puglia, dopo il ricorso della Regione contro "le note del Ministero dell’Ambiente con le quali veniva dichiarata pienamente ottemperata la prescrizione A.44 riferita alla cosiddetta fase 0 dei lavori, sull’espianto degli ulivi nell’area del cantiere di Melendugno".

A Roma deciderà Rousseau...

"Da mafia capitale alla capitale della democrazia diretta". La giunta Raggi - dopo quasi un anno di nulla  - lancia la "rivoluzione" a 5 stelle che passa per le petizioni online e i referendum con voto elettronico e senza quorum.

Salvini, a Putin i suoi omaggi

Dopo i nuovi attacchi al regime russo, all’indomani dell’arresto dell’oppositore Alexei Navalny, a Matteo Salvini è parso “esagerato creare novelli eroi”, convinto che si tratti dell’ “ennesima montatura mediatica”.

Il marchese del Grillo

La risposta di Beppe Grillo sul caso Genova...

A Genova, l’atto di fede in Gesù Grillo

In un noto spot pubblicitario c’era l’uomo che nella piantagione mangiava il frutto maturo e dava il suo responso, per ovvi motivi, a lieto fine: “ha detto Sì”. Anche nel M5S c’è chi fa la verifica sulla bontà dei frutti della fantomatica democrazia del click, ma non sempre va tutto bene; per cui l’uomo preposto, un tempo megafono, interviene e dice No, in virtù di una “prerogativa” che riserva al garante il diritto di fare e disfare decidendo per tutti, in nome e per conto – si presume (anche perché lui ci mette solo la faccia) - della Casaleggio & Associati. di Antonio Marulo

Beppe Grillo ci mette la faccia

Quindi il blog di Grillo non è di Grillo. Se ne parla in queste ore e vien da chiedersi dove sia la novità o la sorpresa. Non a caso si è sempre detto e accusato che dietro il buontempone ligure ci fosse la Casaleggio & Associati. Del resto, da chi è sempre stato abituato a farsi scrivere i testi, come ogni bravo cabarettista, non si poteva pretende particolare genialità anti-politica, per altro espressa di proprio pugno. di Antonio Marulo

Monza, la corsa a 5 Stelle con 20 voti e quel bagaglio di una vita

Angelo Panebianco qualche giorno fa ha scritto di come i 5 Stelle stiano costruendo un’egemonia culturale “limitandosi a fare il loro mestiere: attaccare ogni giorno la democrazia rappresentativa”, "senza incontrare resistenza alcuna". Nel mirino ci sono ovviamente anche i criteri con cui si seleziona una classe dirigente. Criteri, per altro, su cui urge comunque intervenire, se si vuole arginare la deriva cooptativa seguita al disfacimento del sistema partitocratico della prima repubblica. di Antonio Marulo

Memoria corta

Dai e ridai, alla fine certe cose ti suscitano solo tenerezza, umana compassione, diciamo. È il caso dell'iniziativa della giunta Raggi - in preda alla classica ansia da prestazione - in occasione della “giornata della memoria”: trasporto gratis per i sopravvissuti alla Shoah, in tutto meno di una decina di ottuagenari, per altro già esentati con una precedente ordinanza dal pagamento insieme al resto degli over 70 dell’Urbe.

Diballista

In effetti ha ragione Alessandro Di Battista: un congiuntivo sbagliato diventa notizia nazionale, mentre ciò che è importante realmente viene sistematicamente ignorato dai media. Il concetto è stato espresso nell’ultimo comizietto da arruffapopolo in piazza Monte Citorio, di fronte a qualche decina di incazzati per i presunti danni derivanti dalla direttiva Bolkestein, e poi ribadito in serata nel corso di un’intervista tete a tete con Giovanni Floris. di Antonio Marulo

Meloni, quando le cose non tornano ...

Nella campagna elettorale di Giorgia Meloni c'è qualcosa che non torna. Rimprovera Berlusconi di aver favorito Renzi, accodandosi a Marchini e di essere inguaribilmente inciucista.

Meloni, Raggi, Marchini, de Magistris...quante perle dai candidati a Sindaco

La sensazione che la lunga volata elettorale avrebbe potuto regalare qualche momento delizioso, principalmente al centro sud, dove la qualità dei pretendenti sindaco lascia di più a desiderare, c’era. E infatti sono arrivate le conferme. Così, archiviate le comiche su Bertolaso, lo scontro è entrato nel vivo e i candidati hanno iniziato a dare il meglio, non solo sui temi più propriamente legati a questioni amministrative.