Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/03/17 ore

Le Brevi

India: ancora orrore, ancora stupri

Ancora orrore. Nello Stato indiano dell’Uttar Pradesh una ragazzina di 15 anni è stata uccisa e il suo cadavere è stato ritrovato appeso ad un albero nel distretto di Sitapur. Secondo il padre la figlia sarebbe stata violentata, ma si attende ancora il referto dell’autopsia.

Divorzio breve, il sì in Commissione alla Camera

La commissione Giustizia della Camera ha licenziato con un'ampia maggioranza il disegno di legge per il divorzio breve che approderà in Aula il 26 maggio. Il testo prevede un sostanziale accorciamento dei tempi di separazione: da 3 anni a 1 anno, in caso di contenzioso; mentre in caso di consensuale i tempi si riducono a 6 mesi.

Egitto, pena di morte di massa per i Fratelli musulmani

Avere partecipato a manifestazioni non autorizzate, avere istigato alla violenza e incendiato edifici pubblici,  avere creato problemi alla circolazione stradale. Con queste accuse il tribunale egiziano di Minya in Alto Egitto ha condannato a morte la guida spirituale dei fratelli musulmani, Mohamed Badie, e altri 700 militanti dei fratelli musulmani fedeli al deposto presidente Mohamed Morsi.  Lo hanno reso noto fonti della magistratura egiziana.

Prostituzione e legge Merlin, la Lombardia approva il referendum

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato la proposta di referendum sostenuta dal centrodestra per l'abrogazione parziale della legge Merlin allo scopo di togliere la prostituzione dalle strade e arrivare alla riapertura delle case chiuse.

La Turchia stacca la spina anche a Youtube

La Turchia stacca la spina a Youtube. A pochi giorni di distanza dalla presa di posizione con cui il governo di Erdgona ha chiuso il becco a Twitter - poi riportato in vita da una sentenza dei giudici amministrativi che hanno reputato irregolare l'azione dell’authority - anche la piattaforma di condivisione di video è andata incontro allo stesso destino, attraverso una decisione del Direttorato delle Telecomunicazioni (TIB), ente statale turco che si occupa di tecnologie e comunicazioni.

Cannabis terapeutica, la Sicilia dice sì

La giunta regionale siciliana ha approvato una delibera con la quale dà mandato all'assessore alla Salute, Lucia Borsellino, di predisporre i provvedimenti necessari ad assicurare la possibilità dell'uso terapeutico dei cannabinoidi nelle strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private.

Siria, Del Ponte: crimini peggiori della ex-Jugoslavia

Per modalità e per tipologia delle vittime, i crimini commessi in Siria sono assai più gravi di quelli perpetrati nella ex Jugoslavia. Lo ha detto all'ANSA Carla Del Ponte, membro della commissione d'inchiesta Onu sulla Siria.

Nozze gay, il no del Texas è incostituzionale

La legge che ha messo al bando in Texas i matrimoni gay è incostituzionale: lo ha deciso un giudice della corte distrettuale di San Antonio, Orlando Garcia, secondo cui l'emendamento alla costituzione del Texas, che stabilisce che il matrimonio è solo tra due persone di sesso diverso, lede la dignità delle coppie omosessuali “senza alcuna legittima ragione”.

Pena di morte, Pakistan: cittadino britannico condannato per blasfemia

Sosteneva di essere un “profeta dell'Islam” e un tribunale speciale del Pakistan lo ha condannato a morte per blasfemia. E' quanto successo a Mohammad Asghar, 65enne britannico di origini pakistane, residente ad Edimburgo.

Kabul, prima donna a capo di un distretto di polizia

Il colonnello Jamila Bayaz, prima donna a ricoprire in Afghanistan l'incarico di capo di un distretto di polizia, si è insediata ieri.

Marijuana libera, Torino dice sì

Sì alla marijuana libera. E' quanto richiede il Consiglio comunale di Torino, prima città italiana ad aver approvato ( con 15 voti a favore, 13 contrari e 6 astenuti) un ordine del giorno che “invita il Parlamento ad affrontare il tema del passaggio da un impianto di tipo proibizionistico ad un impianto di tipo legale della produzione e della distribuzione delle droghe cosiddette leggere, con particolare riferimento alla cannabis e ai suoi derivati”.