Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/02/24 ore

EVENTI

Segnali di pace, Give peace a chance, una serata con video, poesia e musica

Da più di un mese, da quando le truppe russe si schierarono lungo la frontiera dell’Ucraina, si susseguono appelli di pace che hanno avuto l’esito che sappiamo. Le immagini di Bucha, l’olocausto di vittime innocenti, sono lo spettacolo macabro che niente lascia presagire di buono nei giorni a venire. Venerdì 8 aprile h.18,30 da Bibliothè Art Gallery, via Celsa 4/5   Roma, si mandano segnali di pace con una serata che si preannuncia ricca di grande intelligenza creativa, intessuta con video, poesia e musica: un concerto di voci e di talenti diversi per rasserenare ed illuminare il nostro comune conflitto esistenziale generato dalla guerra in Ucraina. di Giovanni Lauricella

Cento anni fa nasceva Pier Paolo Pasolini

Cento anni fa nasceva Pier Paolo Pasolini. Molti hanno ricordato questo centenario, quasi nessuno ha ricordato cosa Pasolini scrisse pochi giorni prima del brutale delitto di cui fu vittima e che avrebbe dovuto leggere al Congresso del Partito Radicale il 2 novembre 1975. L’intervento fu letto da Vincenzo Cerami davanti ad una platea sconvolta e muta. 

“… Un nuovo conformismo di sinistra si appresta ad appropriarsi della vostra battaglia per i diritti civili … creando un contesto di falsa tolleranza e di falso laicismo… Proprio la cultura radicale dei diritti civili, della Riforma, della difesa delle minoranze sarà usata dagli intellettuali del sistema come forza terroristica, violenta e oppressiva. Il potere insomma si accinge ad assumere gli intellettuali progressisti come propri chierici".

Audiovideo della presentazione del libro ‘La Romania alla fine della Guerra fredda’ di Mihail Dobre, presso il Centro Studi Americano con Bottoni, Caracciolo, Guida, Menotti, Rippa, Schiavazzi, Sgalla

Giovedì 10 febbraio 2022 alle ore 17:00 presso il Centro Studi Americani di Roma (via Michelangelo Caetani, 32)  si è tenuto un dibattito sulla presentazione del libro La Romania alla fine della Guerra Fredda. Condizione geopolitica e opzioni di sicurezza (Rubbettino editore). Ai saluti di Roberto Sgalla, direttore del Centro Studi, seguirà il dibattito a cui interverranno Stefano Bottoni, professore dell’Università di Firenze, Lucio Caracciolo, direttore di Limes, Francesco Guida, professore Università Roma Tre, Roberto Menotti, direttore Aspenia online, Giuseppe Rippa direttore Quaderni Radicali. Coordina Piero Schiavazzi analista Huffington Post e docente Link Campus University.

 

- Presentazione del libro di Mihail Dobre «La Romania alla fine della Guerra Fredda. Condizione geopolitica e opzioni di sicurezza» (da Radio Radicale)

Reading: Non bastarsi, poesie di Raffaella Lanzetta alla Casa delle donne

Raffaella Lanzetta alla Casa internazionale delle donne, un occasione per discutere insieme sulla condizione femminile, contro la violenza e per i diritti delle donne. Non sarà una serata qualunque: interverranno Maria Laura Annibali, presidente di Gay project, autrice/regista, Ella Grimaldi, poeta, Crisalide Patrizia Mantegazza, poeta; modera Vittorio Castelnuovo (autore RAI), il tutto arricchito con musiche di Giacomo Belli.

Arriva in Italia China Zone, il primo canale tematico sul cinema Cinese su YouTube

Un cinefilo che si possa definire tale non può  non aver visto i capolavori del cinema cinese. Confinati nel limbo delle culture altre, ci sono dei film che per intensità di emozioni, sempre contenute in quel riserbo tipico degli orientali, superano in alcuni casi i grandi maestri italiani e francesi, e per freschezza l’industria hollywoodiana. Il raggelante amore soffocato della “quarta signora” di Lanterne Rosse o la composta rassegnazione all’abbandono di In the mood for love poco hanno da invidiare ai più profondi drammi occidentali. Sono film ignorati persino da Netflix....

Nello specchio dell'Africa mediterranea la Napoli di Giuseppe Rippa

Sono stato, il pomeriggio di venerdì 24, a Napoli nel “Graziani bistrot" di piazza Dante ad ascoltare l'analisi di Paolo Macry, Guido Trombetti e Alfonso Ruffo del veloce e tagliente libro di Giuseppe Rippa, "Napoli dove vai?" edito da "Quaderni Radicali". Nell'intervista di Luigi Rintallo, Rippa non parla di Napoli attraverso le consuete metafore che questa città facilmente suggerisce ma, affrontandola (già nello stesso titolo - "Napoli dove Vai?" - si rivolge ad essa direttamente), ne mostra piaghe impudiche e dolorose contraddizioni. di Rino Mele

Presentazione a Napoli del libro "Napoli dove vai?" (Quaderni Radicali TV)

Presentazione a Roma del libro  "Napoli dove vai?" (Radio Radicale)

Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie