Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/11/20 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Coronavirus: una preoccupante incapacità gestionale

Poco più di due mesi fa, quando l’emergenza del virus cinese era ancora tutta da venire, in un articolo del 25 gennaio evidenziavamo fra le criticità del governo a maggioranza PD-5 Stelle tanto il cedimento a “una deriva anti-parlamentare e tecnocratica”, quanto il rischio che avrebbe contribuito ad allargare la faglia divisiva nel Paese rischiando “di allargare il divario fra le due aree dell’Italia” e profilare nuovi scenari secessionistici fra Nord e Sud. di Luigi O. Rintallo

Coronavirus e l’informazione manipolata

L’emergenza causata dalla diffusione del coronavirus ha fatto emergere come l’informazione sia esposta a un uso manipolatorio da parte delle fonti che promanano dai governi e, più in generale, da poteri circoscritti. Innanzi tutto, abbiamo registrato l’eccezionale ritardo da parte del regime cinese a rendere nota l’epidemia in corso a Wuhan; oggi apprendiamo che anche sul numero dei morti non sono forniti dati attendibili: nelle ultime settimane, si conterebbero molti più decessi di quelli dichiarati ufficialmente. di Luigi O. Rintallo

Bloc Notes. Evviva medici e infermieri … ignoti!

“Servono 300 medici come task force Coronavirus per le regioni più colpite”. Circa ottomila (7.220) hanno risposto all'appello per una task force di medici in supporto agli ospedali in affanno per l'emergenza coronavirus.

E poi circa 10.000 (9.448) sono gli infermieri che hanno risposto alla chiamata per 500 che erano, per ora, necessari per collaborare, aiutare, sostituire i loro colleghi che hanno operato e continuano a farlo con grandi rischi e ridotti strumenti di tutela (mascherine, tute, guanti e quant’altro sono necessari per proteggersi negli interventi in prima linea, per aiutare quanti sono stati colpiti dal virus)…

 

- Bloc Notes. Evviva medici e infermieri … ignoti! di Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

Coronavirus: una terapia intensiva per l'Italia

Nulla sarà più come prima, si ripete da giorni. Tranne, intanto, il modo di agire dell'Unione Europea, che alla fine di questa tragica avventura si candida a diventare la vittima più illustre della pandemia. Chiamati a decidere sul che fare, hic et nunc, i capi di governo europei si sono concessi altro tempo, quando invece non c'è tempo da perdere. di Antonio Marulo

Il complottismo al tempo del Covid 19

Come tanti, in questi giorni abbiamo avuto modo di imbatterci in video o post su Internet che evocano la fabbricazione in laboratorio del virus che sta imperversando nel mondo. A seconda delle fonti – antiamericane o anticinesi – il virus sarebbe stato fabbricato per determinare tracolli economici funzionali alle speculazioni finanziarie (Controtv, di Mazzucco) oppure deriverebbe da loschi esperimenti in vista di future guerre batteriologiche (servizio di TGR Leonardo). Tali ipotesi, per lo più, vengono confinate nella categoria del “complottismo dietrologico”, ma ciò non toglie che riescano a insinuarsi nei convincimenti diffusi e questo dà lo spunto per svolgere considerazioni ulteriori. di Luigi O. Rintallo

Covid 19: il diritto alla salute nelle carceri sovraffollate

Le parole del Presidente della Repubblica, in risposta al recente appello da parte di detenuti del Nordest, non possono non invitare tutti ad una immediata presa di coscienza. Il tema delle “carceri sovraffollate e non sempre adeguate a garantire appieno i livelli di dignità umana», oggi si innesta all’interno della complicatissima gestione dell’emergenza epidemiologica. Ed è corretto partire proprio dai numeri. I più recenti rilevamenti – raccolti dal Garante Nazionale dei detenuti – ci segnalano la presenza, nelle strutture di reclusione, di oltre 59.000 detenuti, rispetto alla capienza regolamentare di meno di 51.000. di Fabio Viglione