Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/11/19 ore

POESÌ di Rino Mele. Grammatica della violenza



La sera del 18 febbraio sono tornato al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, nella sala dov'è esposto il famosissimo marmo del Supplizio di Dirce, una scultura alta quattro metri che racconta un mito dal doppio profilo, quello di Antiope vittima innocente e della regina Dirce (ora è lei a essere torturata). Un intrico parentale: il re di Tebe caccia via la figlia resa madre dalla divina lussuria di Giove, la ragazza si rifugia dallo zio Lico in Beozia, incorre nella gelosia della regina Dirce, da lei viene tormentata e i figli che ha avuto dal dio esposti sul Monte Citerone: sono Anfione e Zeto che vendicheranno la madre legando Dirce alle corna di un toro perché ne faccia strazio. Ero andato al Museo per salutare Simona Cavaliere e assistere allo spettacolo di danze barocche cui partecipava col gruppo fiorentino "La stravaganza" (e l'Ensamble barocco dell'Accademia Reale diretta da Giovanni Borrelli). L'armonia seduttiva degli sguardi dei danzatori e la fascinosa simmetria dei loro passi leggeri, sullo sfondo il bianco del marmo nell'orrore delle storie sovrapposte di Antiope e Dirce.

 

 

 

 

POESÌ di Rino Mele 

 

 

Grammatica della violenza

 

Anfione e Zeto sembrano volare, salgono il sentiero, legano

alle corna del toro Dirce perché ne faccia strame: la scultura è un verticale

teatro, chi guarda 

sale la scala di una tortura non terminata, ferma nella pausa 

che sempre precede il pugnale. La violenza ha una sua grammatica: la folla 

che sta a guardare

ne sente il ritmo rovinoso, chiede che l'azione mentre precipita

si fermi, per vederla ricominciare

e come un canto rovesciato torni verso l'inizio, il singulto

di un respiro sbarrato, prima di soffocare. Dirce

continua a gridare, il marmo si piega in quell'urlo, sembra carne, 

le corde vi lasciano il segno, e non smette

d'urlare. La madre vendicata

assiste muta (o è lontana) sente lo strazio che verrà, ne prevede l'esito, spia

la vendetta dei figli. 

Sono all'origine di quegli oscuri corridoi dell'inganno Giove

che seduce Antiope, il padre di lei, Nitteo, il re che la caccia impaurito

da una nascita 

e il fratello del padre, Lico che ne fa una schiava, mentre Dirce 

gelosa della bellezza

la fa murare. La colpa è tradotta

in dolore, e riproduce lo strazio. I giovani con corde di pietra, 

il toro che li sopravanza mentre ne piegano le corna per legarvi il corpo 

tenero della donna

che urla. 

I personaggi dei miti hanno sul volto la cenere

dei morti, costringono chi guarda a farsi 

cieco, seguire Edipo appena nato, portato a testa in giù, appeso

a una canna, sul Monte Citerone, espulso

dalla memoria, affidato alle bestie della notte. Anfione

e Zeto furono esposti come fece Laio con Edipo. Il mito

ritorna alla nascita rifiutata.

C'è un luogo

da cui qualcuno non visto guarda, una sorta di coro nascosto, maternale

lago distrutto, scomposto, ucciso. 

Dei miti conosciamo

la fonte letteraria, i versi ben connessi delle tragedie, le maschere

levigate della scena, dietro di esse non ci sono parole

se non soffocate, i gridi 

impediti dalla terra, premuta sulla bocca.

 

 

________________________________________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

  

 

 

 

 

POESÌ di Rino Mele. La donna delle formiche

POESÌ di Rino Mele. Il muro e il respiro che viene meno

POESÌ di Rino Mele. Quei pastori che l'hanno rapita sono usciti anche loro dal buio della nostra storia

POESÌ di Rino Mele. Vortici e trombe d’aria, prove d’orchestra, della fine

POESÌ di Rino Mele. La povertà crocifissa

POESÌ di Rino Mele. Il puro albero di un orto cui s'impiccò Giuda

POESÌ di Rino Mele. Il feroce colore del ghiaccio

POESÌ di Rino Mele. Il tempo riflesso in uno specchio

POESÌ di Rino Mele. Il disamore del giorno 

- POESÌ di Rino Mele. L'animale malato

POESÌ di Rino Mele. La nudità

- POESÌ di Rino Mele. Corpo felice

POESÌ di Rino Mele. Geometria del piacere 

POESÌ di Rino Mele. Sea Watch

POESÌ di Rino Mele. Suicidio per attraversare un troppo stretto confine

POESÌ di Rino Mele. La scomparsa di passeri e usignoli

POESÌ di Rino Mele. Il passato remoto in cui naufraga Leopardi

POESÌ di Rino Mele. Lady Sham

POESÌ di Rino Mele. La parola che risale il futuro

- POESÌ di Rino Mele. La madre e la morte

- POESÌ di Rino Mele. Far morire l’inatteso ospite

POESÌ di Rino Mele. Un giorno non sapremo più parlare

POESÌ di Rino Mele. Rustedda

POESÍ di Rino Mele. L'illusoria finzione del presente

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ