Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/19 ore

CINEMA

La crisi degli effetti speciali

Le vittoria di  Vita di Pi  di Ang Lee ha messo nuovamente in evidenza l'importanza degli effetti speciali per l'industria cinematografica americana. Tuttavia le grandi società che rendono possibile la creazione delle immagini da sogno, che osserviamo meravigliati sul grande schermo, sono attualmente in crisi.

“Viva la libertà” (Il tema del doppio in politica e società)

Roberto Andò, oltre agli studi di filosofia e alla collaborazione con grandi registi, come Francesco Rosi, Federico Fellini, Michael Cimino e Francis Ford Coppola, si è distinto con successo nella regia teatrale ed ora anche in quella cinematografica con “Viva la libertà”, un film tratto dal suo libro “Il trono vuoto”.

Joe Wright si improvvisa marionettista con la sua “Anna Karenina”

La passione di Joe Wright per Keira Knightley non è una novità. Dopo “Orgoglio e pregiudizio” e “Espiazione”, il regista londinese la sceglie, ancora una volta, come prima protagonista del suo nuovo film “Anna Karenina”, tratto dall’omonimo romanzo di Lev Tolstoj. di Chiara Cerini

L'immagine e lo spettatore. Many Worlds diretto da Alexis Kirke

In questi giorni sarà presentato  al Peninsula Arts Contemporary Music Festival ,organizzato dall’Università di Plymouth,  il cortometraggio Many Worlds diretto da  Alexis Kirke. Questa piccola opera di appena 15 minuti rappresenta un complesso esperimento sulla percezione sensoriale del pubblico stesso.

“Noi siamo infinito”: un film sensibile su un'età sensibile

Tre ragazzi sfrecciano in auto lungo un tunnel illuminato. Il più piccolo di loro, il quindicenne Charlie (Logan Lerman) al vedere la ragazza sporgersi fuori della cappotta, controvento, mentre l'autoradio suona Heroes di David Bowie (per loro sconosciuto), prova un'ebbrezza, una sensazione istantanea di felicità e di infinitezza indescrivibile. di Giovanni A. Cecconi

Il dramma del cinema italiano

Come dimostrano  le  statistiche diffuse da Media Salles (la scoietà che si occupa della diffusione del cinema europeo) e presentate  alla Berlinale, in Europa gli spettatori del 2012 sono stati 1.190,5 milioni, con un calo del 2% rispetto ai 1.214,3 milioni del 2011 e nel 2013 non andrà meglio.