Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/03/19 ore

RASSEGNA WEB

A garanzia del garantito: il M5S conquista i dipendenti pubblici

In un Paese vissuto di reddito politico, di assistenzialismo e di certezze granitiche per una gran bella fetta della popolazione, è forse scontato che il timore di perdere le garanzie e/o qualche privilegio abbia spinto buona parte del pubblico impiego a guardare altrove per trovare conforto in un futuro pieno di incognite.

Il “reddito di cittadinanza” che non lo era

Passata la sbornia elettorale, ora che non serve più sparare slogan propagandistici, si può forse avere maggior fortuna nel fare un po' di chiarezza sul reddito di cittadinanza promesso dal M5S, che poi non è il reddito di cittadinanza comunemente inteso e fatto credere, per esempio in Puglia.

Se la borghesia divorzia dalla sinistra

L’Italia si presenta come una mela divisa in due, la Lega al Nord, il Movimento Cinque stelle al Sud. In questa forbice, la sinistra è sparita. Eventi di tipo nuovo stanno sconvolgendo, in forme diverse, lo scenario italiano ed europeo. Sembra che dalla scena stia scomparendo, in tutte le sue varianti, il riformismo nella larga accezione di centro-sinistra. Tutto si deposita, velocemente, nell’archivio della memoria, lo spazio politico si svuota e si riempie di altre forze… di Biagio de Giovanni (da ilmattino.it)

Carcere, la Consulta anticipa la riforma dell'Ordinamento penitenziario

Secondo i giudici della Consulta chi deve scontare una pena, anche residua, fino a 4 anni di carcere, ha diritto alla sospensione dell’ordine di esecuzione allo scopo di chiedere e ottenere l’affidamento in prova ai servizi sociali, nella versione ‘ allargata’ introdotta dal legislatore nel 2013. È quindi incostituzionale il quinto comma dell’articolo 656 del Codice di procedura penale, che prevede la sospensione solo per pene fino a 3 anni. (da Il Dubbio)

Il non-premier Di Maio e la realtà virtuale dei non-ministri

Ma non è un grosso problema, è soltanto l’epilogo esoterico di una campagna elettorale da realtà aumentata, durante la quale non si è discusso di altro che di cose che non esistono... di Mattia Feltri (da lastampa.it)

Era stato condannato a meno di un anno, non gli hanno sospeso la pena ed è morto

Gravemente malato, da novembre scorso era detenuto nel carcere romano di Rebibbia per scontare una pena di poco meno di un anno, ma il tribunale di sorveglianza non solo ha vietato la concessione dell’affidamento in prova (visto che parliamo di una condanna inferiore ai 3 anni), ha anche ritenuto che fosse compatibile con la carcerazione. di Damiano Aliprandi (da Il Dubbio)

M5S, i superfurbetti del rimborsino

Non è esattamente ciò che ci si aspetterebbe da chi fa la morale tutti i giorni, cavalcando l'onda dell'antipolitica. Si tratta di un classico caso di vizi privati e pubbliche virtù, a cui per la verità i grillini ci hanno un po' abituato, che Le Iene hanno svelato, mettendo in forte imbarazzo il M5S nel bel mezzo della campagna elettorale... 

 

- Grillini brava gente

M5S, il Prof della decrescita grillina

Lorenzo Fioramonti, professore di scienze politiche all’Università di Pretoria, è l’uomo scelto da Luigi Di Maio per sviluppare il programma economico del Movimento 5 stelle. “Nemico pubblico numero uno del Pil”, lo chiama l’Huffington Post nel ritratto che gli ha dedicato. Come vedremo, è una descrizione assolutamente corretta, anche se non nel senso in cui viene utilizzata. Ma andiamo con ordine. di Carlo Stagnaro (dal foglio.it)

Pietà l’è morta. L’unica via d’uscita è la grazia di Mattarella

C’è una cosa che non riesco a capire. Questa: se a uno qualunque di voi chiedessero di prendere una decisione dalla quale forse dipende la possibilità di vivere o di morire per un altro essere umano, voi esitereste? Ed esiste la possibilità che alla fine la vostra decisione sia il pollice verso? di Piero Sansonetti (da Il Dubbio)

ll braccialetto di Amazon e l’innovazione

No, la faccenda del braccialetto elettronico di Amazon riguarda questo Paese, la sua attitudine antitecnologica, la poca accuratezza dell’informazione (mista ad una furbizia fastidiosa), la mediocrità della sua classe politica che, in campagna elettorale ma non solo, ha ormai come sua attività principale quella di intercettare temi utili alla polemica spicciola per scaraventarli contro i cittadini nella speranza di rinsaldare con loro un minimo di sintonia. (dal Blog di Massimo Mantellini)

Elezioni, la società civile senza partito

Il trambusto per la formazione delle liste è fisiologico. Difficile dimenticare, per chi le ha vissute, le riunioni dei comitati federali del Pci che si chiudevano alle quattro del mattino, e c'era anche chi alzava la voce e si verificava pure un po' di confusione, sia pur controllata, in sala. Sempre le stesse cose, o l'eterno ritorno dell'uguale, si potrebbe dire, usando la lingua dei filosofi. Una volta, però, c'era più ordine e precisione. Una volta c'erano i partiti e anche - perché non dirlo? - una programmazione che tendeva a portare in Parlamento chi poteva garantire un effettivo contributo, una qualche vocazione accertata, più o meno certificata, per la politica; o un qualche contributo forte, riconosciuto, nella società. di Biagio de Giovanni (da ilmattino.it)