Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/07/17 ore

MOSTRE

Lorenza Trucchi ai Martedì Critici al MACRO

Alberto Dambruoso negli anni degli appuntamenti dei Martedì critici è riuscito lodevolmente a collezionare i personaggi chiave dell’arte contemporanea italiana, artisti, galleristi, storici dell’arte che ha fatto conoscere a tutti coloro che sono affascinati da questo bel mondo. di Giovanni Lauricella

Secessione e Avanguardia alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna

Alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma si svolge una delle più belle ed impegnative mostre che siano state mai affrontate dal punto di vista storico; l’iniziativa rientra nel programma ufficiale delle commemorazioni del centenario della Prima guerra mondiale. di Giovanni Lauricella

Musei Vaticani, le collezioni dei marmi antichi, nelle fotografie di Massimo Listri

Nelle aule del Museo Pio Clementino dei Musei Vaticani a cura del direttore Antonio Paolucci abbiamo  una strabiliante esposizione fotografica dell’antica statuaria romana in quello che è il museo più importante del mondo. di Giovanni Lauricella

I Bassifondi del Barocco, la Roma del vizio e della miseria

In un periodo attuale dove i curatori spadroneggiano in mostre di arte contemporanea - che spesso sono effimere come scritte sull’acqua - emerge in questa mostra la forza del testo critico espresso da Francesca Cappelletti, professore di storia dell’arte moderna dell'Università degli Studi di Ferrara, e Annick Lemoine, responsabile del dipartimento di Storia dell'arte dell'Accademia di Francia a Roma e professore all’Università di Rennes 2. di Giovanni Lauricella

Artisticamente sostenibile

Con un titolo esplicitamente ecologico, ‘Artisticamente sostenibile’, nella sede dell’Università eCampus cinque pittori affrontano temi etici che riportano alle motivazioni profonde sui perché e sulle responsabilità dell’uomo  contemporaneo e sulle problematicità che intercorrono  tra lui e il pianeta Terra. di Giovanni Lauricella

Artisticamente sostenibile, mostra all’Università eCampus

Il 26 settembre, vernissage della Mostra ‘Artisticamente sostenibile’, cinque pittori in prima linea per promuovere l’arte consapevole. I colori sgargianti e le vivide suggestioni dell’arte contemporanea tornano a impreziosire i locali dell’Università eCampus.

Ettore Spalletti al Madre

Molte persone sono diffidenti verso l’arte contemporanea: “non la capisco”, “mi sembrano sciocchezze” – dicono - oppure “questa non è arte”, “è tutta un imbroglio” e così via. Potrebbe eliminare queste diffidenze una visita alla mostra Un giorno così bianco, così bianco di Ettore Spalletti al Madre, il Museo d’Arte Donna Regina di Napoli. di Adriana Dragoni

Les Rideaux de fer, Rosario Mazzella al Maschio Angioino

Maschio Angioino, il castello conserva ancora il suo fascino misterioso, che racconta di Roberto d’Angiò che passeggiava per i suoi giardini declamando  versi del Petrarca (il poeta da lui si era fatto nominare vate), dell’ingresso a Napoli del vittorioso  Alfonso d’Aragona, degli intrighi di Corte e di battaglie. di Adriana Dragoni

Massimo Napoli, “I Serpenti”

Non mi capita spesso di parlare di artisti a tutto tondo, ma questa volta ho il difficile compito di farlo per una mostra ormai conclusa che ha avuto un buon successo. Sono state esposte quindici opere su carta eseguite da Massimo Napoli con varie tecniche, prevalentemente tempera e carboncino di cm 24x32. di Giovanni Lauricella

AVANT/RETRO’, opere inutili di un uomo inutile-. Mostra di Giuseppe Vittorio Scapigliati

Non è facile parlare di Giuseppe Vittorio Scapigliati, in arte detto Toscanaccio, in quanto la sua arte è in verità una anti- pittura, o anti- disegno se usa penne colorate; vi mancano infatti gli elementi necessari per considerare la sua rappresentazione artistica come tale. di Giovanni Lauricella

The future of plastic al Plart di Napoli

Il futuro è in un fungo? Si, in un fungo vi è  uno dei futuri possibili, rispondono Caterina Miraglia, Marco Petroni, Bas Ernst e Maurizio Montalti, convocati da Maria Pia Incutti per una conferenza stampa al Plart lo scorso 10 luglio. di Adriana Dragoni

“Sette Stagioni dello Spirito” installazione di Gian Maria Tosatti a Napoli

L’installazione dell’artista romano Gian Maria Tosatti a Piazza Dante a Napoli è la seconda del suo Progetto biennale Sette Stagioni dello Spirito dal titolo "2_ Estate". Progetto promosso e sostenuto dalla Fondazione Morra con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, a cura di Eugenio Viola. di Claudia Del Vento

L'universo di Marcello Morandini alla GNAM di Roma

In un'ala della GNAM primeggiano le opere di Marcello Morandini (Mantova 1940), un artista dalla lunga e prestigiosa carriera internazionale che in questa antologica espone 100 opere tra quadri sculture e design, correlate da foto e video che lo hanno coronato come grande artista Italiano. di Giovanni Lauricella

Gaetano Pesce al MAXXI di Roma

All'entrata del comparto architettura del MAXXI troverete una grande lampada da lettura che altro non è che quella che comunemente si trovava sui comodini o sulle modeste scrivanie, fatta da due bracci snodati su una base tonda con il faretto a tronco di ogiva che si puntava dove si desiderava illuminare; questa piccola lampada, così come la conoscevamo, la si trova realizzata in una scala talmente grande che ti fa sentire piccolissimo, come un lillipuziano nel mondo dei grandi. di Giovanni Lauricella

La pittura o come sbarazzarsene

Come a farsi giuoco dell'argomento, la mostra prende il titolo da un'opera di Eugène Ionesco Amedeo, o come sbarazzarsene, “inscenando una pièce” che è stato il travaglio della concezione dell'arte astratta, prendendo quattro artisti di nazionalità differenti, che hanno lavorato nello stesso periodo, in un contesto che era quello del rifiuto della pittura di cui sono stati  interpreti  in prima persona, con delle opere che sono state dirompenti per quei tempi e che adesso vengono esposte a testimonianza dei traguardi raggiunti. di Giovanni Lauricella